LEFKADA: l'isola che non c'è, ma c'è - Trips'n'Memories Privacy Policy

LEFKADA: l’isola che non c’è, ma c’è

Lèucade o Leuca o Lefkada, fino ad un anno fa non ne sapevo nulla, nemmeno che esistesse.

E invece esiste eccome, ed è l’unica isola greca raggiungibile anche senza nave/traghetti, perché collegata con un ponte mobile alla terra ferma.

Non ricordo nemmeno io come la trovai, o forse si.

Si trova a sud di Corfù e al nord di Cefalonia, Itaca e Zante (nella quale sono stata 2 volte).

Un’ isola diversa da queste altre citate, non viene mai o quasi mai proposta in agenzie di viaggi e quindi c’è poco turismo di massa.

Fatto sta, era l’inizio di agosto dell’anno scorso, e ancora (con la stessa compagnia degli altri viaggi) giravamo invano per le varie agenzie nella speranza che ci proponessero qualche offerta last minute, con un budget medio a persona.

Ma purtroppo nulla, le agenzie non sono al passo con le novità, propinano le solite isole o località italiane a prezzi assurdi magari per una sola settimana e alla fine di agosto.

Senza sconcertarmi, cercai di fare una ricerca per una sistemazione “ovunque” tra i vari siti che conosco (Roomorama, Airbnb, HouseTrip, Wimdu, 9flats, Only-apartments, Booking).  

Purtroppo era già troppo tardi, le sistemazioni erano quasi tutte occupate oppure sforavano il nostro budget.

Passai al secondo piano di ricerca, aprii Google Maps, l’idea di un’isola greca mi attirava, ma non quella delle isole più gettonate tra l’altro troppo affollate ad agosto.

E fu così che arrivai a zoomare su Lefkada, iniziai ad esplorarla con lo streetview.

Mi piaceva molto, cliccai sulla funzione “cerca nelle vicinanze: hotel” e iniziai il 4 agosto ad inviare email a destra e a manca per richiedere la disponibilità e le tariffe per 10 giorni.

Molte risposte furono ovviamente negative, ma sono sempre del parere che bisogna pensare positivo.

 
Dopo poche ore mi arrivò un’email con questa frase : There is one last apartment available for that period.
Questa email era dell’Odysseia Rooms-apartments (sito web, profilo Fb), il 9 agosto saremmo dovuti stare a Lefkada.

10 notti a 800€ (200€ pp) non potevamo farcele scappare (un vero last minute), così inviammo il bonifico per confermare l’appartamento e prenotammo anche la Nave, con auto al seguito, da Brindisi per Igoumenitsa (porto più vicino per raggiungere l’isola).

Siamo partiti nel pomeriggio dell’8 agosto, purtroppo non avevamo prenotato la cabina e avendo già viaggiato con le navi ci attrezzammo con i sacchi a pelo; la traversata fu lunga ma non tanto stancante perché riuscimmo a trovare dei divanetti nella zona bar e all’1 di notte arrivammo a Igoumenitsa.

Ci dirigemmo verso Lefkada, anzi a Nikiana proprio fuori il complesso di appartamentini, e consapevoli che il check-in per l’appartamento sarebbe stato dopo le 10 di mattina cercammo di addormentarci in macchina, ma le zanzare furono le prime a darci il benvenuto.

Eravamo a pochi metri dal mare e così poiché non riuscivamo a prender sonno ci godemmo l’alba. 

 

 


Non fu la stessa cosa per il ritorno, una traversata infinita, tutta di notte, senza divanetti, sempre nella zona bar ma con solo delle sedie, le luci accese, i bambini che piangevano e le porte che venivano aperte e chiuse ininterrottamente dai passeggeri insonni.

Decisamente da non ripetere, ma non avevamo pensato a tutto ciò prima che arrivassimo lì, era troppa la voglia di partire, nulla poteva fermarci.

E così venne l’alba in quel giorno di agosto, e fu memorabile, fu un’alba speciale per una vacanza speciale.

Ad accoglierci c’era questa famiglia che gestiva gli appartamenti, tutti molto gentili e sempre disponibili, soprattuto Sofia e Niki, due sorelle che si occupano personalmente delle relazioni con gli ospiti, grazie anche alla loro conoscenza sia dell’italiano che dell’inglese: recensione assolutamente positiva.
Le spiagge dell’isola sono tante, raggiungibili tranquillamente in auto, e in 10 giorni siamo riusciti ad esplorarle tutte: Nikiana, Lygia, Ag. Ioanis, Pefkoylia, Ag. Nikitas, Milos, Kathisma, Bassiliki, Sivota, Poros, Vlicho, Nidri, Perigiali.


Molto vicino all’appartamento, c’è NV Beach Bar, spiaggia molto attrezzata con gazebo, ombrelloni e lettini molto chic: al prezzo di un cocktail o una semplice spremuta potete accomodarvi e godervi la vostra giornata al mare o il vostro aperitivo al tramonto.

Stesso discorso vale per il Copla Beach Bar a Kathisma, molto alla moda, con piscine e dj dal tramonto all’alba.
Da non perdere anche le Nydri Waterfalls, le cascate di Nidri, munitevi di spirito di avventura e di scarpette comode o da immersione, così sarete pronti per immergervi nell’acqua gelida.

 

 

 

 

 

L’entroterra di Lefkada non è da meno, Karià è un grosso villaggio montano che vanta una ricca tradizione di ricami con i motivi tipici dell’isola e ogni 11 di agosto viene rievocato il cerimoniale di un matrimonio tradizionale lefkadita.
Noi ci siamo stati, abbiamo acquistato qualche souvenir tipico, e abbiamo anche cenato alla modica cifra di 9€ (si è vero, 4 pite e 4 bibite).

 

 

 

Sempre nell’entroterra ma sulla strada per raggiungere il mare, a 8 km da Nydri, è possibile visitare un’azienda vinicola con guida (in inglese) e degustazione finale, tutto gratuitamente.
L’azienda è la Lefkatitiki gi. Ottimo vino, impossibile non comprarlo.

 

Se vi trovate sulla strada che da Lefkada città vi conduce verso Ag. Nikitas, non potete non fermarvi al Monastero Faneromeni, nel quale vi è anche un piccolo zoo, oltre alla chiesa. 
Da qui si gode di un panorama meraviglioso.

 

 

 

 

Lefkada città e Nidri sono perfette, invece, per le passeggiate tra i vari negozi di souvenir, per rifocillarsi in qualche ristorantino tipico, oppure godersi un cocktail con della buona musica nei locali che pullulano di turisti.
Uno di questi che a noi è piaciuto molto, sia per l’ambiente che per i prodotti offerti, e nel quale ci siamo tornati più e più volte è stato Cafe di Paris a Nidri.
Proprietario e staff simpaticissimi che parlano benissimo anche l’italiano.

 

 

 

 

 

In questo slideshow potete vedere altre foto.
Non fatevi, invece, abbindolare da chi vi propone i vari tour organizzati in battello per visitare le isole minori dell’arcipelago, tra le quali anche l’isola di Scorpio appartenente alla famiglia Onassis, sulla quale, tra l’altro, lo sbarco è vietato.
Di solito questi battelli sono affollatissimi e per chi soffre di mal di mare non è il massimo.
Per il resto, avventuratevi per le varie stradine di quest’isola ancora per poco incontaminata, scoprirete sicuramente qualcosa di memorabile.
 

Vacanze in Grecia nonostante la crisi? Perché no, magari con le dovute precauzioni e con una buona riserva di contante.

“È durante i nostri momenti più bui, 
che dobbiamo concentrarci per vedere la luce”.
-Aristotle Socrates Onassis-
 
“Per avere successo, abbronzati, vivi in un palazzo elegante (anche se abiti in cantina), fatti vedere nei ristoranti alla moda (anche se ti sorbisci una bibita), e se chiedi un prestito vai giù pesante.” 
-Aristotle Socrates Onassis-